Carolin Kotke

Carolin Kotke

“La nutrizione è diventata un tema importante per me. Oltre alla dieta alcalina, presto molta attenzione affinché il mio corpo riceva tutti i nutrienti di cui ha bisogno”.

Carolin Kotke è una nutrizionista, blogger e attivista per la lotta contro il cancro al seno. Attraverso il suo lavoro, i seminari e le ricette, vuole ispirare ed indirizzare verso uno stile di vita sano e consapevole. Nel corso della nostra conversazione, Caro ci ha raccontato cosa significa per lei un’alimentazione equilibrata, come si prende cura del suo corpo, quali vantaggi offre la sua nuova casa sul lago Tegernsee e come ha scoperto l’importanza degli omega-3.

Cara Carolin, come è nato il tuo coinvolgimento così intenso nell’alimentazione?

L’alimentazione è diventata un argomento importante per me qualche anno fa, durante la terapia contro il cancro. Nel 2017 mi è stato diagnosticato un cancro al seno e ho dovuto sottopormi alla chemioterapia. Il mio corpo era completamente allo stremo e volevo sostenerlo il più possibile in modo che potesse tornare rapidamente in forma. Da quel momento in poi ho cominciato ad approfondire l’alimentazione attuale. Ho scoperto una dieta alcalina e ottimizzata dal punto di vista nutritivo per me stessa e mi sono sentita subito meglio. È nato il mio claim “mangiare bene, sentirsi meglio”.

Cosa si intende per alimentazione alcalina?

L’alimentazione alcalina consiste nel sostenere il più possibile il nostro corpo e i nostri organi e nel ripristinare “l’equilibrio acido-base”.

A causa della nostra dieta moderna e di molti fattori ambientali esterni, i nostri organi addetti alla disintossicazione come fegato, intestino, reni, polmoni e pelle funzionano a pieno ritmo e sono spesso sovraccarichi. Il risultato può essere flatulenza, bruciore di stomaco, stanchezza cronica, problemi di pelle, emicranie e persino malattie come la gotta, i reumatismi o il cancro.

Con una dieta alcalina, possiamo contrastare questo fenomeno e alleggerire in qualche modo i nostri organi. In una dieta alcalina si privilegiano gli alimenti alcalini e ricchi di sostanze nutritive, come frutta, verdura, noci, semi ed erbe, mentre si evitano il più possibile gli alimenti che formano acidi, come carne, insaccati, latticini, grano, dolci e prodotti pronti.

Oltre alla dieta alcalina, anche i nutrienti svolgono un ruolo importante per te. Su quali nutrienti ti focalizzi?

Oltre a seguire una dieta alcalina, mi assicuro che il mio corpo riceva tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno e faccio controllare regolarmente i miei livelli di vitamine e minerali, ad esempio tramite l’emocromo.

Come cerchi di integrare tutti i nutrienti importanti che hai appena citato?

Per me, la varietà di alimenti nelle giuste proporzioni costituisce una dieta sana ed equilibrata. Il motto è “mangia l’arcobaleno”. Se si mangiano, ad esempio, 5 porzioni di frutta e verdura (circa 5 manciate) al giorno e si presta attenzione a una varietà di colori, l’alimentazione contiene naturalmente una grande quantità di vitamine e minerali. Inoltre, mi assicuro di assumere abbastanza fibre e proteine vegetali sotto forma di cereali, noci, semi e legumi. Poiché è difficile coprire il mio fabbisogno di omega-3 esclusivamente con una vegetale, mangio pesce 1-2 volte a settimana e  ogni giorno aggiungo alle pietanze 1 cucchiaio di Omega-3 Total. Nel porridge della colazione mattutina o nella bowl del pranzo.

Oltre alle classiche vitamine come la vitamina D, l’acido folico, il magnesio, il calcio e lo zinco, anche le fibre alimentari, le proteine vegetali e gli acidi grassi omega-3 svolgono un ruolo importante in una dieta sana ed equilibrata. Soprattutto in relazione alla mia malattia oncologica, mi sono documentata sulle proprietà positive degli acidi grassi omega-3 e sull’importanza di prestare attenzione a un rapporto equilibrato tra gli acidi grassi omega-6 e omega-3.

Qual è la tua ricetta più popolare sul blog?

Adoro le bowl colorate secondo il motto “mangia l’arcobaleno”. Una delle mie preferite, ad esempio, è la Summer Base Bowl. È davvero facile da preparare, contiene molte vitamine, minerali, fibre e proteine e mi piace sempre aggiungere al condimento un po’ di olio Omega-3 Total.

La ricetta della bowl è riportata in fondo alla pagina.

Cos’altro consideri parte di uno stile di vita sano?

Oltre a una dieta sana, per me è importante anche uno stile di vita consapevole. Questo significa essere in armonia con sé stessi e con il proprio corpo, ascoltarlo e prestargli attenzione, fare pause regolari, respirare profondamente e fare abbastanza esercizio fisico.

Quali rituali segui a casa?

Io e il mio compagno per esempio, ci siamo imposti di fare una passeggiata all’aria aperta per almeno 30 minuti al giorno. Inoltre, ho scoperto per conto mio il Qi Gong, il Pilates e lo yoga e ho notato come il solo mix di movimento e respirazione consapevole faccia incredibilmente bene a me e al mio corpo.

Come è nata l’idea di voltare le spalle alla vita di città e cosa apprezzi in particolare della tua nuova casa?

Ho vissuto ad Amburgo per quasi 14 anni. In pieno centro città, con tutto il trambusto, e l’ho amato. Ora penso che sia stato un mix di età e storia personale a farmi desiderare più pace, tranquillità e natura. Prima della diagnosi di cancro al seno ero una maniaca del lavoro e amavo lo stress. Tuttavia, qui ho trovato il giusto equilibrio per me e amo la pace e la diversità della natura nella mia nuova casa d’adozione. Ho le montagne e il lago proprio davanti alla porta di casa.

Grazie mille per il tuo tempo. Auguriamo a te e alla tua famiglia tutto il meglio e tanta salute!

Vuoi saperne di più su Carolin Kotke?

Clicca qui per visitare il suo blog sulla vita sana e la positività!

Ricetta di Carolin Kotke: Bowl estiva

Ingredienti:

Per la bowlPer il condimento
1/4 cetriolo1 pesca
1 mela2 cucchiaio di olio d’oliva
2 carotte1 cucchiaio di Omega-3 Total
1/2 peperone1 cucchiaio di aceto di mele
1 manciata di lattuga1/2 cucchiaino di curcuma
100 g cecisale e pepe
Erbe e germogli 
alcune noci / alcuni semi 

Preparazione:

  1. Per la bowl, è sufficiente preparare i singoli ingredienti, lavarli, tagliarli a pezzetti e decorarli su un piatto. Infine, aggiungete qualche erba o germoglio (soprattutto se alcalino!).
  2. Per il condimento, mettete tutti gli ingredienti in un frullatore o riduceteli in purea con un frullatore a immersione e condite con sale e pepe a piacere.
  3. Versare il condimento sulla ciotola, decorare con qualche noce e seme a scelta e gustare!

Liora Bels

Liora Bels

“La nutrizione è diventata un tema importante per me. Oltre alla dieta alcalina, presto molta attenzione affinché il mio corpo riceva tutti i nutrienti di cui ha bisogno”.

Liora Bels è un’esperta di nutrizione certificata, speaker, coach, autrice (The Mix) e mamma di 2 figli piccoli. Già in giovane età, era consapevole del fatto che la salute e il tempo sono i doni più preziosi e che dobbiamo essere consapevoli delle necessità del nostro corpo. Liora tratta argomenti riguardanti la consapevolezza, il benessere e l’alimentazione a base vegetale. In un’intervista, Liora ci ha raccontato come interpreta la sostenibilità e che in una dieta equilibrata, gli omega-3 giocano un ruolo importante.

Cara Liora, potresti spiegarci cosa si intende per “dieta a base vegetale”?

Una dieta a base vegetale consiste nel consumo di alimenti esclusivamente di origine vegetale (plant-based diet) con focus su ingredienti freschi e nutrienti raffinati il meno possibile. Per me, è importante chiedersi che “benefici per la salute” hanno gli alimenti, come possiamo attivarli al meglio e combinarli, in modo da ottenere i migliori benefici possibili per il nostro organismo. In questo caso, quindi, il focus è sull’aspetto salutare della nutrizione. Per me, riguarda anche la sensualità e l’estetica. Sento che è una benedizione vivere in un mondo dove si trovano in abbondanza cibi naturali e sani, che nutrono i nostri corpi e le nostre menti ed elevano i nostri sensi. Gli alimenti naturali sono un dono della nostra terra per noi. Pertanto, voglio celebrarli e godermeli al meglio.

Cosa significa per te un rapporto consapevole con il corpo?

Per me, un rapporto consapevole con il proprio corpo significa un percorso olistico per portare corpo, mente e anima in armonia e per vivere una vita autentica.

Si tratta della pratica della presenza di osservare i segnali del corpo, i nostri sentimenti, di guardarsi dentro, di ascoltare il proprio stato d’animo, di analizzare ciò di cui si ha bisogno, chi si è, cosa si sente. Senza giudicare o condannare. E soprattutto, trattare noi stessi con gentilezza e provare amore per sé stessi. Guardo la mia vita dall’interno verso l’esterno.

Esiste un collegamento tra consapevolezza e sostenibilità?

La pratica della consapevolezza influenza il nostro atteggiamento interiore, il nostro sistema di valori, le scelte che facciamo per noi stessi. Qualunque cosa scegliamo consapevolmente e secondo coscienza, che si tratti dei nostri pensieri o delle nostre abitudini alimentari, avrà un effetto duraturo sul nostro modo di vivere e sul nostro benessere.

Secondo te, quali alimenti non dovrebbero mancare in una cucina a base vegetale?

In generale, è importante essere ben equipaggiati e sufficientemente forniti di macro e micronutrienti. Tutto ciò di cui ci nutriamo ha un impatto diretto sulla qualità della nostra vita, come ci sentiamo, come dormiamo, quanto siamo concentrati e carichi di energia durante la giornata, ecc. Ecco perché è importante integrare gli alimenti che ci fanno crescere e prosperare.

Di seguito alcuni consigli su cosa cercare:

  • ingredienti freschi e non raffinati
  • cibi alcalini: Think green! (pensa verde)
  • cibi fermentati per una sana flora intestinale
  • proteine essenziali
  • grassi sani, compresi gli acidi grassi omega-3, un buon olio extravergine d’oliva, ma anche olio di semi di lino, olio di canapa, avocado e noci per esempio; per avere più energia, una maggiore concentrazione e per equilibrare gli ormoni

Altrettanto importante: attenzione allo zucchero (include il fruttosio), che provoca stress al corpo!

Cosa è importante per te nella tua dieta a base vegetale?

La mia cucina a base vegetale riguarda soprattutto i sensi, le emozioni e il benessere. Si tratta di costruire un rapporto sostenibile con il cibo, di celebrare il cibo e di creare dei rituali per esso.

L’accento è sempre posto sull’integrazione nella vita quotidiana di cibo fresco, stagionale e, per quanto possibile, non raffinato. Tuttavia, il piacere e la sensualità giocano un ruolo importante in questo: i sapori, gli aromi, i colori e i gusti devono ispirare ed entusiasmare. La cosa importante è nutrirsi in modo consapevole, prendersi del tempo e lasciarsi condurre in un viaggio. La mia cucina a base di vegetali ha lo scopo di suscitare emozioni, raccontare storie e di lasciarvi con il desiderio di averne di più. Al di là di questo, il cibo unisce le persone. Questo è ciò che amo! Prestare attenzione a COSA mangiamo e a COME mangiamo e viviamo, coltivando i giusti rituali quotidiani per una routine più sana ed equilibrata, ci aiuta a stabilire un cambiamento duraturo e positivo nel nostro stato di benessere.

Il fondamento della mia cucina a base vegetale è l’amore, la gratitudine e la consapevolezza.

Per darvi qualche idea, nella mia cucina a base vegetale si trovano sempre i seguenti alimenti:

Limoni, latte di mandorla fatto in casa, noci e semi, zenzero, broccoli, sedano, molte verdure a foglia verde, olio extravergine di oliva, olio omega-3 di alga, lenticchie, ceci, quinoa, grano saraceno, tahini e pasta di mandorle.

Con questi ingredienti si può preparare ogni giorno qualcosa di delizioso e nutriente.

Quanto sono importanti gli omega-3 per te e perché?

Gli omega-3 fanno parte integrante della dieta della mia famiglia. La lista degli effetti positivi degli acidi grassi omega-3 sul nostro corpo è lunga. Un apporto sufficiente ha un effetto antinfiammatorio, supporta il sistema immunitario, favorisce la concentrazione nella vita quotidiana, così come un sonno migliore. Tutto questo influenza il nostro benessere. È importante sapere che gli omega-3 sono acidi grassi essenziali e quindi, il nostro corpo non può produrli da solo. Di conseguenza, gli omega-3 devono essere assimilati dall’esterno.

Come hai conosciuto Omega-3 Vegano NORSAN?

Il prodotto mi è stato raccomandato dal mio osteopata molti anni fa, in una conversazione sulla nutrizione e il benessere sostenibile.

Grazie mille per il tuo tempo. Ti auguriamo tutto il meglio e tanta salute!

Volete saperne di più su Liora? Sentitevi liberi di visitare il blog o la sua pagina Instagram.